Ricette Base

MarshMallow Fondant

Ti è piaciuto? Condividi!

Salve a tutti voglio dedicare questo post alla pasta lavorabile che in assoluto uso di più per ricoprire le torte decorate, o per fare dei piccoli soggetti per arricchire un lavoro.
Sto parlando del MarshMallow Fondant.

Ricetta
330 gr zucchero a velo setacciato (comprato, quello fatto in casa non va bene purtroppo)
150 gr caramelle marshmallow (meglio se bianche, ma è difficile trovarle)
2 cucchiai di acqua
coloranti alimentari (a piacere)
una superfice liscia e pulita (un tavolo sgombro, per intenderci, vi serviràò per impastare)

Procedimento
Sistemate in una ciotola di vetro le caramelle con l’acqua e mettete tutto nel microonde a 650 watt per 30 secondi (questo processo di scioglimento può essere fatto anche a bagno maria).

Tirate fuori, se volete aggiungete il colorante che desiderate utilizzare e date una prima girata alle caramelle con un cucchiaio.

Rimettete nel microonde e fate andare per altri 20 secondi sempre a 650 watt, tirate fuori e mescolate ancora e ripetete l’operazione un’altra volta. A questo punto le caramelle si saranno completamente sciolte e colorate, così

Adesso è il momento dello zucchero a velo. Io vi suggerisco di aggiungerne poco più della metà direttamente nella ciotola e mescolare finchè non si sarà amalgamato al composto, che risulterà davvero appiccicoso (tranquilli va via con un pò di acqua calda!!)

Spargete il resto dello zucchero direttamente sul ripiano che avete intenzione di usare e versatevi sopra l’impasto

Inzuccheratevi bene le mani e partendo dall’esterno, iniziate ad impastare come se fosse pane. Mi raccomando coprite ogni centimetro di pasta con lo zucchero, se toccate la pasta appiccicosa senza zucchero, questa non verrà via e dovrete lavarvi le mani.

A questo punto l’impasto è pronto per essere avvolto nella pellicola e dopo in una scatola di latta conservata in dispensa, mai, mai in frigo. Fatelo riposare 12 ore prima di usarlo e quando lo riprenderete, lavoratelo un pò, perchè si sarà un pò indurito. Potete anche metterelo 3-5 secondi al microonde (non di più), così da scioglierlo un pò e poi, sempre aiutandovi con lo zucchero a velo riprendere ad impastarlo.
Vorrei fare una piccola nota sull’uso dello zucchero. Tra le quantità degl’ingredienti ho scritto 330 gr. In effetti questa quantità è assolutamente variabile. Io ad esempio ne utilizzo non più di 250 gr, lasciando l’impasto molto morbido. Il fatto è che di zucchero a velo ne serve parecchio, specialmente all’inizio quando non si ha molta pratica, ma allo stesso tempo questo rende il composto duro, via, via che si aggiunge. Mettendone poco all’nizio potrete aggiungerne un pò di più dopo se servirà, mantenendo l’impasto comunque morbido ed elastico.
A proposito del colorante invece bisogna aggiungere una cosina. Se avrete lasciato il mmf bianco, una volta ripreso, prima d’impastarlo aggiungete il colorante poco per volta. Man mano che s’impasta il colore cambia, quindi è importante non esagerare se si vuole ricreare un colore specifico. Potete usare tutti i tipi di coloranti, gel, liquidi, polvere, potete anche pensare di dipingere la pasta dopo che avrete realizzato il soggetto desiderato, o dopo averla stesa sulla torta.

I soggetti che realizzerete dovrete successivamente farli asciugare in dispensa, o in una zona fresca della casa e dopo conservli in scatole di latta, o in contenitori ermetici. Durano praticamente in eterno, mentre la pasta va conservata per non più di tre mesi, anche se alcune persone dicono che si può tenere fino a sei mesi.
Qualche cenno sui vari tipi di fondente
Fondenti lavorabili ne esistono tantissimi in giro, dalla più nota pasta di zucchero, preparata con il glucosio, o col miele, alla gumpaste o flower paste più adatta alle decorazioni in cui il fondente va steso in una sfoglia sottilissima, come il petalo di un fiore, alla mexican paste, al noto super-zuccheroso marzapane e via dicendo (sono certa di dimenticarne qualcuna!). Sono tutte paste fantastiche. La gumpaste ad esempio oltre che per i fiori è ottima per i piccoli soggetti, indurisce alla velocità della luce e diventa solida come una roccia, ma tutte (eccetto il marzapane) in comune tra loro hanno un unico difetto: il gusto!

Spesso sono insapore, per non dire che alle volte sarebbe meglio mangiare un pezzetto di didò, che almeno è profumato!!!
Un ruolo a sè è invece rivestito dal cioccolato plastico. Anche in questo caso si tratta di una pasta lavorabile più o meno come le altre, ma, come dice il nome stesso, la base è proprio il cioccolato quindi insomma il gusto è … gustoso e anche molto soggettivo. Ognuno di noi può scegliere la marca e la qualità di dolcezza che desidera e poi lavorarlo per coprire un’intera torta, o per fare piccoli decori. Io lo uso spesso per coprire i biscotti. Il mmf sarebbe troppo stucchevole, invece il cioccolato apporta la giusta quantità di dolcezza (secondo me!).
Insomma,ci si può sbizzarrire.

Spero di essere stata chiara e utile. La pratica renderà tutto molto più comprensibile! Per me è stato così …
Buon lavoro a tutti!

Ti è piaciuto? Condividi!

Potrebbe anche interessarti...

1 commento

  1. Che bei colori, complimenti !!!! Io sono ancora alla ricerca del lilla, il mio rifornitore non l'ha ancora avuto 🙁 Guarda li il tuo come è bellooooo complimenti :))

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: