Creme & Frostings

Crema diplomatica

Ti è piaciuto? Condividi!

Salve a tutti, vi siete mai sentiti insoddisfatti?
Ecco questa è proprio la sensazione che fino a ora avevo sempre provato quando preparavo la crema. Alle volte veniva troppo densa, alle volte non abbastanza fine e vellutata, alle volte troppo liquida … Insomma una cosa fastidiosa e, per l’appunto, insoddisfacente.
Finalmente qualche tempo fa, rischiando di brutto (dovevo preparare una torta da consegnare e non avrei avuto chance di riprovare), sono riuscita a trovare esattamente ciò che fa per il mio palato: crema diplomatica!

La ricetta è abbastanza popolare, basta mescolare con molta delicatezza due parti di crema pasticcera ben fredda e una parte di crema chantilly…

La preparazione è molto semplice, se non fosse che prima di arrivare alla “diplomatica” bisogna passare per altre due fermate obbligatorie, ma vi garantisco che ne vale la pena.

Ecco le ricettine

Crema pasticcera
(scovata nel delizioso blog di Sarachan, Bloggoloso)
50 gr tuorlo
80 gr zucchero
25 gr farina 00
250 gr latte
una bacca di vaniglia (usate la bacca, dopo vi spiego il perchè), o altri aromi a piacere

Procedimento
Mettete in una pentola il latte, la maggior parte dello zucchero e i semini della bacca di vaniglia, o gli aromi che avete scelto.
Nel frattempo con una frusta, ma senza troppo impegno (!), mescoliamo i tuorli con lo zucchero rimasto e poi aggiungiamo la farina e cerchiamo di eliminare tutti i grumi. A questo punto il latte si sarà scaldato a sufficenza, aggiungiamone un paio di mestoli al composto di uova, zucchero e farina e iniziamo ad amalgamare il tutto. Procediamo così finchè il latte non sarà del tutto incorporato alle uova e rimettiamo il composto sul fuoco a fiamma bassissima e mescoliamo senza interruzione finchè non farà le prime bolle. Lasciamo che bolla 15 – 20 secondi e possiamo spegnere.
L’aspetto bello di questa crema, oltre al gusto e alla delicatezza è che, mettendo i semi della vaniglia, avrà un bell’effetto a puntini neri, che risalterà ad ogni cucchiaiata.
Provate.

Crema chanilly
Non capisco perchè questa crema generi tanta confusione, tutti la scambiano per la crema pasticcera con l’aggiunta della panna, ovvero la crema diplomatica!!
No!
La crema chantilly nasce in francia grazie al pasticcere  François Vatel, il quale creandola, ne scelse il nome ispirandosi al castelllo di Chantilly, nel quale gli fu commissionato di organizzare “la più grande festa del secolo” in onore di Luigi XIV.

250 gr panna fresca (anche la panna hoplà super fredda va bene)
50 gr zucchero a velo
1 bacca di vaniglia (nel caso della preparazione della crema diplomatica, omettete la bacca!)

Procedimento
La sera prima dell’utilizzo, estraete la polpa della vaniglia dalla bacca e mettetela in un contenitore con la panna liquida e lasciate che s’insaporisca lentamente!
L’indomani filtrate i semi della vaniglia e montate la panna aromatizzata. Una volta montata aggiungete a pioggia lo zucchero a velo setacciato.
Il gioco è fatto.
E’ ottima per farcire torte e frutta fresca, perchè è soda e facilmente lavorabile e … gustosamente paradisiaca!

Adesso che le due basi sono pronte potete preparare la vostra diplomatica e se avete usato il trucchetto dei semini nella crema pasticcera, l’effetto che avrete sarà ancora più bello perchè la crema diplomatica ha una colorazione chiara che lascia risaltare il nero dei semi.
Provate non ve ne pentirete è una vera meraviglia!

A presto!

Ti è piaciuto? Condividi!

Potrebbe anche interessarti...